Under 30: oltre 2 milioni non lavorano e non studiano

Sullo scacchiere europeo l’Italia resta fanalino di coda anche in questa classifica, in ogni caso si registra un calo del 7,9% dei Neet (cioè under 30 che non studiano ne lavorano), passati da 2,4 milioni nel 2013 a 2,2 nel 2016.

Nel nostro paese il 24,3% degli under 30 rientra in questa categoria, contro una media Ue del 14,2% e l’8,8% della virtuosa Germania.

La media italiana nasconde poi una frattura evidente tra il Nord, dove i Neet sono il 16,9%, e il Sud, dove la percentuale è più che doppia, al 34,2%

CONTI CORRENTI A CONFRONTO: ECCO I MIGLIORI (CLICCA)

Copyright © World Today Magazine – Riproduzione consentita segnalando il link e il nome della fonte

Precedente Primarie PD: vince la cassa con 4 milioni di euro Successivo Lavoro in Italia: meno del 40% della popolazione ha un'occupazione (ISTAT)