La classifica delle migliori università italiane per trovare lavoro

Nuova ricerca condotta da Qs Rankings che stila la classifica delle migliori università italiane e globali che godono di maggiore reputazione dalle aziende.

In italia il podio è dominato dal trio milanese (bocconi, politecnico e cattolica) le quali fanno parte anche delle migliori 200 università globali, evidenziando come il capoluogo lombardo sia il centro italiano che maggiormente consente di sviluppare la propria carriera.

1 Bocconi

la Bocconi di Milano si aggiudica la prima posizione, compare al 32esimo posto nella graduatoria mondiale, prima tra le italiane con un 98.4/100 nella casella ‘employer reputation’.

2 Politecnico di Milano

Si posiziona al secondo posto per appetibilità sul mondo del lavoro. Un punteggio che la porta ad essere uno degli atenei più importanti nel panorama europeo nel campo tecnologico. Punteggio di 89.8/100

3 Università Cattolica del Sacro Cuore

Al 3 posto si piazza UniCatt, considerato uno dei migliori atenei italiani da parte delle aziende del settore. Punteggio 72.4/100

4 Politecnico di Torino

Una delle eccellenze italiane per quanto riguarda corsi di Ingegneria, il Politecnico di Torino è la quarta tricolore. Punteggio di 64.1/100

5 Alma Mater Studiorum – Università di Bologna

Al quinto posto si piazza l’Alma Mater Studiorum di Bologna con un punteggio di 62.9/100

6 La Sapienza – Roma

Pur essendo l’università storica della capitale, la perdita di reputation tra le aziende sta aumentando. Punteggio 54.4/100

7 Università Statale di Milano

Al settimo posto troviamo un altro ateneo milanese con un punteggio però nettamente inferiore al trio di testa: 43.1/100

 

VEDI ANCHE LA CLASSIFICA DELLE MIGLIORI BUSINESS SCHOOL CHE EROGANO MASTER PER CARRIERE MANAGERIALI (CLICCA)

CONTI CORRENTI A CONFRONTO: ECCO I MIGLIORI (CLICCA)

Copyright © World Today Magazine – Riproduzione consentita segnalando il link e il nome della fonte

Precedente Di quanto si è svalutata la sterlina post brexit Successivo Italia divisa: da chi lavora 12 ore a chi vive di soldi pubblici