Se volete investire in un fondo pensione, aspettate il prossimo crollo finanziario

In questo articolo non vogliamo entrare nel merito se sia meglio mantenere il denaro nel TFR o se optare per l’adesione ad un fondo pensione, ma sul momento migliore nel caso aveste già deciso per il fondo.

A differenza del TFR i fondi pensione investono nei mercati finanziari (con profili più o meno aggressivi) ma è pur sempre denaro che finisce sui mercati.

Una volta deciso di investire nel fondo non è più possibile ritirare il denaro, si può spostare l’investimento tra i vari comprati ma con alcuni vincoli ma anche questa modifica non è immediata, quindi non essendo un investimento liquidabile o gestibile nell’immediato, nel caso si investisse sui mercati a prezzi elevati si assorbirebbero tutte le perdite successive senza molte possibilità di manovra.

Da notare che anche i fondi pensione conservativi hanno al loro interno molti titoli di stato che ad oggi sono a rischio bolla quindi anche loro sono a rischio perdite (anche se più limitate), inoltre esistono fondi garantiti che devono garantire obbligatoriamente un rendimento minimo che però viene eroso dalle alte commissioni (in questo caso meglio il TFR).

Per tutti questi motivi la strategia migliore, dopo 10 anni di crescita ininterrotta dei mercati globali (con rialzi a tre cifre percentuali) si rischia di comprare sui massimi senza possibilità di liquidare la posizione e assorbite tutta la perdita.

Per un giovane la strategia migliore è quella di attendere il prossimo crollo finanziario (che statisticamente prima o poi deve arrivare) per poi investire nei fondi pensione a prezzi molto più bassi e guadagnare sui rialzi futuri.

Ai prezzi di borsa attuali attendere uno storno del 30% sui mercati sarebbe un buon punto di ingresso.

GESTIRE I RISPARMI: guida per tutelare i risparmi e guadagnare con gli investimenti (clicca per approfondire)


blog.soldionline.it/cosamuoveimercati

Copyright © World Today Magazine – Riproduzione Riservata