L’economia di un paese di pensionati non può ripartire

Con gli over 65 che coprono il 22,3% della poplazione totale, con gli ultra ottantenni che prendono il 6,8% , con gli ultranovantenni che aggiungono un altro 1,2%, l’Italia si conferma un Paese decisamente anziano. E, se il trend sarà confermato, destinato a rimanere tale. La natalità conferma infatti la tendenza a diminuire, con le sue poche 464mila nascite del 2016, che superano il livello minimo delle 486mila del 2015. L’ultima fotografia degli indicatori demografici arriva dalle “stime 2016” pubblicate dall’Istat, l’Istituto di statistica.

Con questo trend ci sarà una continua diminuzione della popolazione in età lavorativa ed un parallelo aumento della popolazione in età pensionistica, questo processo renderà il sistema pensionistico insostenibile e le tasse sul lavoro elevatissime (vedi sistema pensionistico italiano).

Istat: nuovo record negativo per le nascite. Popolazione in calo. L’Italia è sempre più un Paese per vecchi (clicca per visualizzare il report completo) 

GESTIRE I RISPARMI: guida per tutelare i risparmi e guadagnare con gli investimenti (clicca per approfondire)


blog.soldionline.it/cosamuoveimercati

Copyright © World Today Magazine – Riproduzione Riservata

I commenti sono chiusi.