Il declino della libertà di pensiero

Più il mondo avanza più si presume che ad esso si associ la possibilità che ogni persona abbia la possibilità di esprimere liberamente il suo pensiero (a patto che esso non leda la libertà altrui ovviamente) ma purtroppo questo non stà avvenendo.

Di facciata si è si liberi di esprimere opinioni ma nei fatti si viene emarginati, ed è questo il problema del mondo moderno che si sta dividendo in due parti: o il pensiero unico di sinistra, o il populismo di destra.

Purtroppo la stragrande maggioranza della popolazione si rivede in questi due movimenti stereotipati e quindi di conseguenza o seguono alla lettera questi dettami senza obiezioni o ricevono attacchi personali molto forti.

Per fare degli esempi se una persona osa sostenere che l’immigrazione deve essere controllata viene automaticamente etichettata come razzista dal pensiero unico di sinistra, viceversa se una persona sostiene che l’euro ha portato più benefici che problemi viene subito attaccato dal nazionalismo di destra come anti patriottico e venduto allo straniero.

Tutto questo per dire che ormai se un individuo esprime un’opinione non in linea con le due mentalità stereotipate da stadio viene visto come nemico, chi vuole appartenere al pensiero unico di sinistra deve condividere ogni ideologia ad essa collegata ed in egual misura chi vuole seguire il populismo di destra non può uscire da un determinato modo di pensare.

E se il mondo non fosse in bianco e nero ma a colori? Se parte di queste ideologie avessero ragione entrambe se solo moderassero le posizioni? Se fermarsi a riflettere per poi appoggiare quello che si ritiene migliore a prescindere se la proposta sia di una parte o dell’altra?

Purtroppo ad oggi questa è fantascienza ed è il problema principale dell’era modera…

GESTIRE I RISPARMI: guida per tutelare i risparmi e guadagnare con gli investimenti (clicca per approfondire)


blog.soldionline.it/cosamuoveimercati

Copyright © World Today Magazine – Riproduzione Riservata

I commenti sono chiusi.